Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING

Febbraio 19, 2017 Uncategorized 8
Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING


Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Come si diventa modelle o fotomodelle?
Come si inizia?
E quali sono i requisiti per fare la modella o fotomodelle?
Credeteci o no, uno dei temi più scottanti su cui le lettrici inviano regolarmente domande in redazione è proprio questo.
Domande, dubbi, curiosità su come si fa a diventare modella.
E se sono bella ma non ho l’altezza?
E se un’agenzia mi ha chiesto dei soldi?
E se sono troppo giovane?
Abbiamo dato una risposta a tutte queste domande intervistando uno dei  modelli più noti a Milano adesso Scout di nuovi volti per svariate agenzie internazionali della moda, e gli abbiamo chiesto tutte queste cose, ed altre. Ecco cosa ci ha risposto!

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Ecco qui una nuova sezione:
le domande che ci inviate.

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Sono una ragazza di 17 anni e il mio sogno è sempre stato quello di diventare una modella. La mia domanda è: a chi bisogna rivolgersi? Che scuola si deve frequentare?
La gente di tipo 20 anni in sù ha sempre detto che ero davvero molto bella e che dovrei fare la modella, i miei coetanei  che non ero un granchè… Quindi la mia domanda: quali sono i criteri per valutare la bellezza e l’attitudine al lavoro di modella, dal punto di vista estetico? i tatuaggi o piercing sono un problema?
L’INTERVISTATO PRIMA CITATO (che è voluto rimanere nell’anonimato) HA RISPOSTO COSI’:
“Tatoo o dilatatori vari non sono un problema tranquille. Un corso di portamento e un booking fatto da un buon fotografo, sarebbero indispensabili per iniziare, non bastano solo delle belle foto con qualche filtro sui social per fare questo lavoro; senza un book fatto da un professionista, si dovrebbe iniziare con qualche piccolo corso o “concorso”, dove non solo si sfila facendo uso anche delle scale (cosa che tutte le donne odiano quando indossano i tacchi) ma i talent scout dovrebbero dare delle dritte su come usare al meglio i “propri” social (di questi tempi è indispensabile). Nella definizione dei criteri di cui parli entrano in gioco molti fattori come l’altezza, la pelle e molte altre caratteristiche, ad esempio la distanza tra gli occhi, le labbra, il naso eccetera…

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Buongiorno, sono stata in un’agenzia a Milano e mi hanno chiesto 1000 euro per il book fotografico. Secondo voi sono seri, dovrei accettare?
Mai e poi mai. troppi, al massimo spenderei 350 euro con un fotografo “serio” e già affermato! solo per crescere nel settore.. ma di solito me la danno quella cifra i nuovi fotografi, adesso, per fare qualche foto..

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
A che età si può cominciare? A 17 va bene? Quanto devi essere alta a 16-17 anni? Cosa devo fare al provino e cosa ti chiedono/dicono? Io vivo a Roma… io sono un influencer su tiktok. serve?
Minimo 14 anni, devi solo partecipare a qualche concorso fuori della tua città per farti notare, così come sei, nient’altro, devi già essere alta almeno 1.74 per la modella,  invece per la fotomodella non è importante l’altezza o l’età. Ormai i social fanno parte di noi, sono il nostro curriculum adesso, ebbene si un’occhio in più di riguardo c’è da parte di qualsiasi agenzia.

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Ma se hai solo un bel viso ma bassa di altezza? Vorrei tanto fare da modella solo nelle linee di trucco. Come si procede?
Se non hai l’altezza minima richiesta  puoi fare la fotomodella, e provare come attrice per spot pubblicitari.

Sono la mamma di una ragazza che vorrebbe fare il corso per diventare fotomodella, ma quanto prende di solito una modella alle prime armi?
Ricordo , la gavetta all’inizio tutti l’abbiamo fatta… non si pensava al “COMPENSO” ma a diventare famosi! Rispetto agli Anni 90 è cambiato tutto. Anche le retribuzioni. Dopo i due «Angeli» di Victoria’s Secret che hanno lasciato il marchio perché non le pagava abbastanza..
Le modelle: una voce importante della spesa complessiva, i compensi possono variare da 100 sterline a sfilata per i designer esordienti a oltre 30 mila per gli stilisti più affermati. Motivo per cui, negli anni della Grande crisi, a incidere sulla scelta delle modelle è anche il budget. Ridimensionato rispetto a periodi più sfarzosi e opulenti come i Novanta, stagione delle super top. «Nell’ultimo decennio c’è stata una flessione. Se prima gli stilisti reclutavano solo grandi nomi, adesso si orientano verso le new face (volti nuovi), alle quali affiancano un paio di top model, magari fatte arrivare apposta da New York». Alla politica di tagli corrisponde anche minore professionalità? «Non direi, piuttosto è cambiato il modo di sfilare. In passato le modelle avevano continuità di carriera, acquisivano esperienza, ora il ricambio è continuo». Tradotto: «Una new face può avere anche una sola stagione alle spalle». Altra differenza: l’incedere e, più in generale, l’approccio alla passerella. Se non esiste un tariffario «di categoria» — troppe le variabili e la mancanza di criteri oggettivi per valutare i requisiti (dalla bellezza, non misurabile, alle competenze) — è vero che, in parte, il cachet sia commisurato alla visibilità e al livello di esperienza o di sti periodi quanti migliaia di follower hai. «Le new face, in media, sono retribuite con cifre tra i mille e i 3-4 mila a sfilata. Molto dipende dal book, se sono apparse su un editoriale (se fatto da un fotografo che lavora per un giornale importante) o se debuttano in esclusiva per un designer che decide di investire sulle potenzialità dell’esordiente». In questo caso, la fidelizzazione potrebbe funzionare come investimento per il futuro: per la maison e per la neofita. Di livello immediatamente superiore, le «upcoming», quelle che si faranno: non ancora famose, ma in odore di celebrità. Con compensi tra i 2 e i 5 mila euro. Più ampio il range, dai 10 ai 100 mila euro, nel quale si muovono le «icons»: le modelle-icona. «Cambia molto se devono rinunciare a lavori importanti o trasferirsi per un periodo in un’altra città». Gli stilisti italiani sono più parsimoniosi di quelli stranieri?  all’estero i «best payers», quelli che pagano meglio, sarebbero Ralph Lauren e Oscar de la Renta, lo stilista scomparso nello scorso mese di ottobre: su di lui, circolava il motto «Oscar pays the Renta», con Oscar riesci a pagarti l’affitto. «Non direi. Un tempo Milano era la piazza che offriva i compensi più alti !

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Sono quindicenne e credo di avere i requisiti per fare la modella. Abito in periferia di Bologna, ma non ho idea di quale agenzia contattare. Come posso fare?
Prendi un elenco di agenzie, chiama e chiedi un appuntamento per un book, scegli solo quelle agenzie che non ti chiedono una cifra esagerata, ma fai sempre parlare un genitore.

Un’altra domanda che spesso ci fanno: il book si paga? In linea di massima si, anche se potrebbe accadere che un fotografo riconosca in voi delle caratteristiche che reputa interessanti per il proprio lavoro e accetti di realizzare degli scatti in TFC, ovvero nessuno dei due soggetti (fotografo e modella) percepisce soldi ma vi è un equo scambio di prestazioni professionali. Il fotografo arricchisce il suo portfolio e la modella ha delle foto interessanti.  Vi sono anche agenzie di moda, la nostra è una di quelle, che se credono che una ragazza ha le potenzialità per fare la modella investe su di lei fornendole l’opportunità di realizzare il book senza spendere un soldo.

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
So di avere i requisiti e la grinta per fare questo lavoro, ma come si fa a iniziare? Devo procurarmi prima delle foto?
Devi solo prendere il telefono, farti notare da un’agenzia, facendo vedere quello che sei,  attenzione se non ti chiede inizialmente un book, non sò quanto potrebbe esser seria. Le foto comunque di solito ve le fanno quando parteciperete al casting, tranquilla.

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Per una modella che inizia ora è migliore un’agenzia piccola con poche modelle o va bene anche una più ‘famosa’? In un’agenzia meno sconosciuta c’è la possibilità che dedichino maggiore attenzione alla modella rispetto ad una affollata con modelle già conosciute?
Sì, potrebbe essere meglio un’agenzia più piccola, dico “potrebbe” perchè alla fine è più importante quanto un’agenzia crede in te, a prescindere che sia grande o piccola, se poi è lei che ti ha formato per prima , ancora meglio.. entri in famiglia!

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING
Come è la situazione attuale? Come si stanno riorganizzando le agenzie di modelle, in Italia e all’estero, per far fronte a questa emergenza che non ha praticamente precedenti?
Adesso di booking per le ragazze ovviamente c’è più possibilità grazie alle pubblicità sui social fatte dalle nuove fashion blogger , ti dico, con il mio team siamo sempre al lavoro per un motivo o per un altro. In questo momento, come altre agenzie a Milano, stiamo cercando volti nuovi sul territorio Italiano, proprio per ripartire da noi e dare una chance in più a tante ragazze che nella nazione rincorrono questo sogno. Ovviamente non con l’aiuto della tecnologia. Casting online no grazie.. si preferisce un casting dal vivo. Lo stesso stanno facendo altre agenzie all’estero per forza di cose… bisogna ripartire!

Ho già un’assicurazione per la vita, non ho bisogno dell’assicurazione?
Dopo aver deciso di stipulare una polizza e il prodotto migliore per la vostra situazione, la compagnia assicuratrice individuata farà una valutazione preliminare (chiamata processo di assunzione del rischio) in cui viene fatta un’analisi dettagliata per valutare la possibilità di assicurarti, il tipo di copertura più adatto e il costo, detto premio. Durante l’analisi da parte della compagnia assicuratrice, vengono presi in considerazione alcuni fattori come la salute e la situazione personale. Si tratta di un contratto di assicurazione sulla vita che prevede il pagamento di un capitale al beneficiario nel caso in cui l’assicurato muoia o diventi invalido totale permanente, sia per infortunio che per malattia. Per calcolare il rischio: professionale abituale dell’assicurato, abitudini di vita (se per esempio è un fumatore o se pratica sport estremi), informazioni sulla sua cartella clinica, ma l’evento o corso di formazione non rientra nel le proprie abitudini di vita, ed un’infortunio (anche se non è grave), se andate a controllare nelle clausole della vostra assicurazione, non compare. Ovviamente  incomplete dichiarazioni (se andrete a vedere nelle clausole c’è scritto proprio questo) possono pregiudicare il diritto al risarcimento per quelle giornate. Quindi consiglio di farla.
Ripeto bisogna sempre valutare il luogo in cui si vive e il proprio stile di vita e basarsi su questi dati per capire quale tipo di polizza infortuni fa al proprio caso, considerando che si tratta di un tipo di assicurazione che può coprire molti ambiti, da quello lavorativo a qualsiasi attività svolta nel tempo libero o a qualsiasi condizione extra professionale. In genere l’assicurazione infortuni può essere sottoscritta da chiunque, ma molto dipende dalla policy delle compagnie assicurative – policy che potrebbe prevedere limitazioni per alcune categorie di persone, come ad esempio quelle che hanno dipendenze da sostanze stupefacenti o fumatori. Uniche le assicurazioni infortuni sportivi coprono tutti gli oneri economici derivanti da un infortunio verificatosi durante l’attività sportiva, sia essa un allenamento o una gara, ma per beneficiare dell’indennizzo, il soggetto deve aver subito danni oggettivi e misurabili, che possono condurre a inabilità temporanee, invalidità permanenti o addirittura alla morte, non per piccoli infortuni tipo storte prese con i tacchi.

Le modelle soprattutto quelle che ancora non sono modelle ma potrebbero tranquillamente esserlo, potrebbero diventare una risorsa molto preziosa in un periodo come questo. Come vi state organizzando voi e cosa consigli a chi vorrà provarci, magari approfittando di questa nuova opportunità nata da una situazione di cui tutti avremmo volentieri fatto a meno?
Noi sin dall’anno scorso avevamo organizzato degli open call in agenzia, poi da quando c’è stato il divieto di assembramento abbiamo dovuto ovviamente cancellarlo. Come ti dicevo prima stiamo facendo una ricerca tramite social network, che da una parte può essere molto difficile per un insieme di cose, dall’altra è comunque interessante in questo periodo perché ci porta a studiare nuovi sistemi per lo scouting ed ovviamente a perfezionarne altri. A chi vuole provarci consiglio vivamente di farlo, ormai forse abbiamo fin troppo tempo da dedicare a tante cose, ed una lezione che ci ha dato questo maledetto virus è di non perdere tempo a procrastinare un’idea o un progetto, ma di cogliere l’attimo e farlo. Iniziate a candidarvi il prima possibile, finirà prima o poi questa situazione.

Per scriverci subito su whatsapp
e farci tutte le domande che vuoi
clicca qui.

Come si diventa modelle o fotomodelle CONCORSI O CASTING

ARGOMENTO:
Come diventare modella.
Come instagram aiuta aspiranti modelle e agenti.
A chi rivolgersi,
come evitare di commettere errori
o di rivolgersi alle persone sbagliate?

Come è cambiato il tuo lavoro, e il lavoro delle agenzie di modelle, con la diffusione delle nuove tecnologie? Internet, instagram, hanno rivoluzionato un po’ tutto. Come funziona lo scouting online al giorno d’oggi?
Il mio scouting quotidiano viene fatto tramite i social media, parliamo di instagram principalmente.
Quindi il mio scouting funziona cosi: social media, viaggi di scouting durante i corsi come testimonial (ospite speciale o giuria), incontri personali con i genitori. Ad esempio alcuni giorni fa ho incontrato tramite instagram una ragazza, ieri ho parlato con il padre, domani vado a incontrarlo di persona dove farà il corso la figlia. Il mio lavoro è fatto di ricerca, di presentazioni, di contatti sui social, di incontri quando ovviamente è possibile face to face, cosa che in Italia è spesso possibile e io mi sposto con facilità.

Come fa un’ aspirante modella a capire a chi si sta rivolgendo? Quali sono le cose a cui una ragazza, che vuole provare ad intraprendere questa carriera, deve fare attenzione per evitare ‘fregature’ e esperienze spiacevoli?
Innanzitutto quando si viene contattati tramite instagram è più facile capire con chi si ha a che fare, instagram è il biglietto da visita di oggi, quindi la ragazza ha la possibilità di capire con chi ha a che fare, se sei un fake o meno, di vedere la tua attività e se ci sono recensioni sul sito o se ha delle storie di altre ragazze che hanno già partecipato a selezioni fatte dall’agenzia.
Ma se la ragazza non ha assolutamente nessun tipo di esperienza e non riesce a fare questo tipo di valutazione, allora il consiglio che do sempre io è:  come agente madre, incontro la ragazza nei casting, se mi piace la ragazza la ‘contrattualizzo’ e poi la presento alle agenzie milanesi, e se all’agenzia milanese piace viene presa. Però non le chiedono 1500 euro per fare il book… di solito i casting, con i corsi di portamento ecc, li fanno in hotel ultimamente in certi weekend di festività, se poi vi fanno anche il book gratuito, con il video della sfilata, allora significherebbe serietà per me e come agenzia ricercatrice. Mi raccomando è obbligatorio il tampone qualche giorno prima di fare il corso per non danneggiare altri soggetti più deboli.

Fare la fotomodella. Quali le caratteristiche che le agenzie ricercano?
Un’altra cosa che fa la differenza nelle fotomodelle è la personalità. Non basta più essere solo belle, questa è una cosa che fa la differenza. tranquilla..   se hai una taglia 50 e un bel taglio degli occhi o un bel sorriso o una chioma folta o dei lineamenti particolari… o punti sulla simpatia..  farai comunque un casting o un concorso, un percorso formativo completo, volto a fornire le competenze e le conoscenze teorico pratiche per gestire in modo autonomo e professionale la tua carriera nel mondo della moda e delle passerelle. Che le modelle debbano essere belle (non sempre è vero, ma de gustibus…) è fuor di dubbio, la bellezza/altezza è strettamente legata al concetto e al lavoro di modella. Ma in un mondo che per definizione segue le mode e in cui le tendenze cambiano in continuazione anche i tipi di modella cambiano in continuazione.

Per scriverci subito su whatsapp
e farci tutte le domande che vuoi
clicca qui.

Quali sono le caratteristiche che in questo momento le agenzie di modelle ricercano per i loro clienti, e che gli scout di modelle ricercano nelle ragazze che stanno iniziando questa carriera? Tu come model scout devi fornire al mercato quello che il mercato richiede. Quale è il tipo di modella che in questo momento le agenzie ti chiedono di più?
In base alla mia esperienza, quello che le agenzie cercano in questo momento è la ragazza giovane, con un viso molto fresco. Ovviamente devono avere le proporzioni giuste sia per quanto riguarda il viso che il fisico. Però la parola d’ordine è freschezza.
Non sempre l’altezza è fondamentale. Se non è alta ma è molto bella, molto fresca, bellissimo sorriso, giovane,  sono convinto che avrà degli ottimi risultati. Quindi l’altezza non è così importante, se ci sono le altre caratteristiche.

Per completare la risposta, sia sulla donna che sull’uomo le agenzie adesso cercano la new face totale, quella che non si è mai vista. La novità assoluta è quello che cercano i anche i casting director, per le sfilate, per le esclusive.

Mia figlia non è tanto alta e vuole diventare modella ma siamo stranieri, però viviamo in Italia. Quindi c’è posto per tutte le ragazze che hanno le carte in regola, straniere o italiane . E ci stai anche dicendo che l’altezza non è proprio cosi determinante come tutti pensano?
Esatto, pensa a modelle  e ad altre top models degli anni 80 e 90 che non erano alte ma hanno avuto un enorme successo. Avevano una bellezza particolare, il carattere giusto, e poi chiaramente un po’ di fortuna conta sempre, bisogna essere al posto giusto e al momento giusto. Se una modella non è tanto alta ma il casting director si innamora di lei, la fa lavorare non solo come fotomodella ma addirittura in sfilata pur non essendo altissima. Lo stesso vale per le modelle italiane, ce ne sono, ma bisogna cercarle, e trovarle. E non sempre è molto facile. Se piaci al booking quando entri in agenzia, si innamorano della ragazza perché capiscono che il cliente avrà la stessa reazione, come sempre nella vita se piaci alle persone puoi avere più successo, e così anche nel mondo delle modelle.
Per quanto riguarda le altre ragazze di altri paesi europei che vivono in italia ad esempio, sono tutte bellissime e possono lavorare senza problemi. Se una ragazza arriva dalla Spagna, dal Brasile, dall’Olanda, Cile, Romania, ed ha le caratteristiche giuste va benissimo, lavoreranno in regola  tutte senza problemi.

Quali sono i tipi di modella più richiesti dal mercato di oggi, quali sono le caratteristiche richieste per diventare modella, quanto conta la personalità, quanto sono importanti le misure per fare la modella, come è cambiato il lavoro di modella e come sono cambiate le modelle in questi anni? Anche le modelle cambiano in base alle mode del momento, certo i parametri base rimangono sempre gli stessi, ma lo stile è in continua evoluzione. Quale è il tipo di modella, modella fashion intendiamo, che sta andando in questo momento?
E’ vero, la tipologia delle donne cambia, in momenti di crisi però i clienti tornano tutti alla ricerca della bellezza classica, la bellezza con i lineamenti del sud ad esempio, che è ciò che sta succedendo ora.

Quanto è importante il carattere di una modella? Quanto conta l’aspetto, e quanto la personalità?
Una volta appurato che la ragazza ha le caratteristiche per fare la modella , altezza, seno, vita e fianchi, per iniziare aspetto e personalità 50/50, per poi crescere e raggiungere alti livelli la personalità diventa il fattore determinante.

Ci sono moltissime ragazze che vogliono fare questo lavoro, molte non hanno i requisiti richiesti dal mercato, e probabilmente la maggior parte non si rende conto di quanto sia difficile questo lavoro. Cosa deve aspettarsi, dal punto di vista dell’impegno richiesto, una ragazza che vuole provarci?
 Inizialmente l’impegno può anche essere part time, ma nel momento in cui la carriera prende il via non si deve perdere il treno ed allora l’impegno deve essere totale.

Quando hai iniziato internet non esisteva ancora, e sicuramente in ogni caso non faceva così parte integrante della vita quotidiana di tutti, dai clienti alle modelle agli agenti di modelle. Come è cambiato il tuo lavoro a causa della diffusione delle nuove tecnologie e dei canali di comunicazione social?
Non c’era internet e neanche i telefoni cellulari, dettavamo i casting al telefono fisso e le modelle dovevano fare il check in 4 volte al giorno (alle ore 9, 12, 14, 18). Internet e cellulari hanno migliorato le possibilità di comunicazione ma hanno reso troppo immediata la necessità del cliente. Vogliono tutto e tutti subito!

Ci spiega quali sono i requisiti fisici, quali sono le situazioni da evitare, e come capire se si ha a che fare con un’agenzia seria.
Età, misure e una personalità forte sono sicuramente dei requisiti molto importanti per una modella, così come il fatto di iniziare subito con il piede giusto, e cioè con un’agenzia seria che può indirizzare e formare la modella preparandola per quella che è sicuramente una delle professioni più ambite, ma anche difficili.

 Il suo personale consiglio ad una giovane ragazza, o ragazzo, che magari non vive a Milano ma pensa di poterci provare. Come si evitano le ‘fregature’ che anche in questo campo sono piuttosto frequenti? Purtroppo si, le fregature sono sempre dietro l’angolo. Uno scouter professionale non chiederà mai foto di nudo. E se la modella è minorenne, prima di chiedere materiale in bikini, chiederà una autorizzazione scritta da parte dei genitori. Diffidate da chi vuole incontrarvi da sole. Ci sono i casting apposta.  Personalmente pretendo sempre che i genitori siano presenti ai primi incontri, nei corsi addirittura se la ragazza è minorenne. Se la modella vive lontano da Milano, è normale che si richiedano  video rigorosamente spedite via mail. Una mail professionale solitamente non finisce mai con tiscali o Hotmail.
Lo scouter/agente serio e professionale, richiede un incontro, solo dopo aver valutato attentamente il materiale della modella o futura modella, anche sui social. Se il professionista vede del potenziale nella ragazza/o, allora verrà richiesto un incontro informale per conoscenza (tipo corsi o concorsi che di solito vengon fatti nel centro Italia per far venire le aspiranti fotomodelle da tutt’italia ), dove si forniranno tutte le informazioni necessarie per comprendere tutti gli steps, per diventare una modella professionista.

Sono una ragazza, diciamo ho 17, 18 anni, misure non perfette, nessuna esperienza. Da dove inizio se voglio fare la modella. Le fregature sono sempre dietro l’angolo, non ho contatti ma ci voglio provare partendo con il piede giusto. Cosa faccio?
anche i social ti danno già un’idea di quello che succede. Poi lì ovviamente è un rischio. Noi abbiamo un buon nome, ogni giorno riceviamo del materiale, e le guardiamo tutte. Una ragazza oggi con internet riesce a farsi un’idea, io penso. Se viene una persona, ti ferma e ti propone ‘io ti faccio fare la top…’ è un po’ assurdo.
Anche  se viene senza materiale, magari è bellissima, poi fai una foto, non è fotogenica, viene male. Magari ne parliamo con i genitori (onestamente preferiamo), se ne parla. Ma fare delle cose tipo ti faccio pagare per il book costa mille e poi ciao… non esiste.
Personalmente io sono contrario anche alle varie Miss raccomandate nei concorsi. Se una volta Miss Italia formava anche le modelle, ed è vero, oggi i canoni delle modelle sono completamente diversi da quello che vediamo ai concorsi di Miss. Quelle che vengono dai concorsi di Miss oggi magari lavorano in televisione…vedi veline (la selezione) ma i canoni delle fashion models sono altri. La modella è un’attrice, prima di fare la modella. Deve essere lei che va davanti al cliente, che prende il lavoro, deve essere attrice più di un’attrice. È in competizione con duemila ragazze, deve distinguersi. Deve fare il lavoro in maniera seria.
Fare la modella non è solo una questione di numeri e di misure…
 Soprattutto di personalità. Infatti noi come scouter prima, poi i booker e poi i clienti, preferiamo delle ragazze che magari non sono perfette ma hanno una personalità perfetta. È una caratteristica innata. Ce ne sono alcune che sono pazzesche. Ci sono clienti che ti dicono “io cercavo una bionda, poi è venuta questa moretta qua, la abbiamo presa…” . Ecco, una ragazza così ha una personalità che si distingue.

COS’È UN BOOK FOTOGRAFICO ? Quanto costano?
 composit sono dei cartoncini, solitamente in formato A3, dove sono riportati i dati della modella (altezza, peso, seno, vita, fianchi, colore occhi, colore capelli, numero scarpe) e 3 / 4 foto. Il book fotografico è un album che contiene le foto della modella ritratta in varie situazioni: all’aperto,  in primo piano, per fare degli esempi. Per farsi fare un book è necessario rivolgersi ad un fotografo specialista e ad un truccatore professionale che vi sappia valorizzare al massimo. Il costo del primo si aggira in torno ai 150-200 € mentre per il secondo la cifra è di 50-100 €. A questo aggiungete i costi di sviluppo e stampa. Quando la modella ha già dei lavori alle spalle, nel book inserisce le foto dei vecchi servizi fotografici e delle vecchie campagne per illustrare ai clienti i precedenti lavori. Prima di fare il book ricordatevi di contattare l’agenzia inviando alcune foto, anche se fatte a casa. Se l’agenzia riterrà che avete i requisiti per poter lavorare, suggerirà di fare il book.
Il book è un raccoglitore con i migliori scatti dei vari servizi che si arricchisce col tempo, inserendo sempre nuove foto. La prima foto del book è un primo piano del viso, un ritratto chiamato “beauty”. Il costo di un book non dovrebbe superare i 400 euro. Attenzione alle agenzie che chiedono soldi con la promessa di farvi entrare nel mondo dello spettacolo previa realizzazione di un book con foto di nudo artistico: le agenzie serie lavorano e guadagnano facendovi lavorare, siete voi il loro investimento e quindi guadagneranno poi, sui vostri lavori (quelli che vi procacceranno anche loro). Secondo voi? Altra considerazione che dovrebbe farvi riflettere…Potete dirmi come fate a fare un book se non sapete posare? Non conoscete l’arte del movimento, le espressioni e la teccnica che vi porta a pubblicizzare un prodotto? Sarebbe come dire che vuoi comperare un’auto senza avere la patente per guidarla!!!

VOGLIO FARE LA HOSTESS, MI SERVE UN BOOK? LO POSSO FARE COME LAVORO DOPO IL CORSO PER MODELLA AD ESEMPIO? Tantissime agenzie offrono la possibilità di realizzare presso la loro sede un book,  realizzato a costi contenuti, book di alta qualità. Anche per chi lavora come hostess delle foto di buona qualità sono un biglietto da visita; foto in spiaggia con altre persone o nelle quali non si vede in maniera nitida la persona non sono idonee ed anche la persona più carina potrebbe venire scartata. Tuttavia per fare la promoter o la hostess  è indispensabile avere un book da modella, ma sono sufficienti foto in primo piano, figura intera e magari una in “divisa”. Ma comunque dopo un corso per fotomodella, potresti fare anche altri lavori, come la comparsa in un film o la fashion-blogger, o l’escursionista accompagnando i turisti nelle gite o viaggi , o la protagonista nelle pubblicità, la ragazza immagine, la stilista, la valletta nelle tv locali e tanti altri ruoli, anche non solo nel mondo dello spettacolo.

Ma qual’è il guadagno di un’agenzia tipica su ogni modella , se non sono troppo esplicita? vorrei aprirmi un agenzia dopo il corso . E’ quello dato dalla differenza di prezzo con cui il vostro lavoro viene venduto al cliente e il compenso che viene riconosciuto alla modella. Solitamente si aggira attorno al 20%. L’agenzia si occupa di : contattare il cliente, proporre il casting fotografico o dal vivo, organizzare il casting stesso, contattare le modelle presenti nel proprio database, contrattualizzare la modella scelta, pagarla, assumersi il rischio se il cliente non paga. L’agenzia (quella seria) garantisce il vostro lavoro e la vostra immagine.

Sono stata fregata una volta da un’agenzia che poi è magicamente sparita dal web. cosa mi dici di fare? diffidare sempre? bisogna diffidare sempre di agenzie che chiedono denaro. Rivolgersi a un’agenzia di model management seria e non fidarsi di chi ti propone la realizzazione di book fotografici a pagamento. Questa è la prima regola per chi si avvicina al mondo delle agenzie. Un’agenzia seria e affidabile non chiede quasi nulla,  anzi, se vede del potenziale si farà carico dell’investimento iniziale per la realizzazione di tutto il materiale necessario.

Quali sono le domande più frequenti che si fanno a una candidata o a un candidato durante il casting? «Le domande sono semplici e rivolte esclusivamente con lo scopo di conoscere meglio i candidati e metterli a proprio agio, facendo così emergere alcuni aspetti della loro personalità. Le domande tipiche sono: come ti chiami, quanti anni hai, da dove vieni, cosa studi, perché vuoi intraprendere questa carriera, cosa ti aspetti dal mestiere di modello/a…». Per avere successo è indispensabile essere rappresentate da un’agenzia stimabile anche se si potrebbe pensare di non averne bisogno. Questa può seriamente fare la differenza nello sponsorizzare le immagini della ragazza alle persone giuste. La maggior parte delle volte l’agenzia ha un ruolo determinante nel suo avanzamento di carriera. Questo anche indipendentemente dall’aspetto fisico della ragazza. A seconda delle caratteristiche fisiche e della propensione di ognuna, ci si potrebbe specializzare nelle sfilate in passerella come nelle pubblicità, che siano esse sulle riviste, sui cartelloni pubblicitari, sul web o in televisione. Entrambe le strade possono portare ad importanti avanzamenti di carriera, offrendo diverse opportunità alle fotomodelle e indossatrici più portate. Durante le sfilate in passerella si può avere la possibilità di lavorare a stretto contatto con importanti stilisti e truccatori, fotografi e produttori. Per chi si specializza nelle fotografie, e quindi nel mondo della pubblicità in generale, è più facile raggiungere un pubblico più vasto.

Cos’è un casting? E’ la classica modalità tramite la quale vengono scelte modelle, cantanti, , hostess, attrici o ballerine. Il cliente finale effettua la richiesta rivolgendosi all’agenzia di settore, esplicando le proprie preferenze. In base alle informazioni raccolte verranno quindi contattate le ragazze idonee, che parteciperanno al provino mostrando differenti capacità. Solitamente il casting avviene davanti a tanta genrte. Mai in abitazioni private o simili. Stai attenta!

Per scriverci subito su whatsapp e farci tutte le domande che vuoi , clicca qui.

 

8 risposte

  1. Elisa Mariani ha detto:

    Il corso mi è piaciuto così tanto che ho deciso di iscrivermi quest’anno anche a quello di Recitazione e Dizione. Ho molto apprezzato la cura nei dettagli da parte degli insegnanti e la loro grande professionalità.

  2. Pablo Majoles ha detto:

    Sono rimasto contento di aver svolto il corso di indossatore Fotomodello con loro. E pensare con avevo un pò di timore di posare per delle foto, invece ora lo faccio con disinvoltura grazie agli spunti professionali che mi ha trasmesso appunto il corso.

  3. Eugenio Them ha detto:

    Sono il fidanzato di Emy una delle modelle del concorso, 5 stelle alla struttura e all’accoglienza , ottimi professionisti nell’ insegnare, struttura comoda e confortevole, didattica esclusiva, mai noiosa, davvero efficace. La mia morosa è stata chiamata dopo 3 giorni per una pubblicità. Affidabili

  4. Romina Bachata sensual ha detto:

    Gli insegnanti sono fantastici, i titolari ed i collaboratori non ti danno solo la loro disponibilità, ti danno proprio il loro cuore e la loro anima! Esci da li con le lacrime agli occhi e dato che mai vorresti uscire da un’esperienza del genere, ti iscrivi ad altri corsi di specializzazione ed intanto lavori, si perchè loro ti aiutano, ti danno tutta la loro disponibilità!!! Insomma ragazzi è un’esperienza da vivere!!!

  5. Janet Lavinia ha detto:

    Mi sento fortunata perchè sento parlare le mie amiche che sono andate in agenzie e sono state derubate letteralmente con la scusa di fare book o mini corsi o iscrizioni alle agenzie( tutte fuffe) a prezzi davvero da capogiro. Grazie a loro ho trovato la mia strada e seguiro’ altri corsi di specializzazione , quello del marketing sui social mi intriga

  6. Marzia Olivieri ha detto:

    Sono rimasta veramente molto soddisfatta di questo corso, mi ha dato la possibilità di conoscere un mondo che avevo sempre ammirato senza però averlo mai conosciuto.

  7. Raquel M G ha detto:

    è fatta di persone speciali, che sanno insegnare e dare fiducia in se stessi, sono diventata una vera modella e loro mi hanno trovato tanti lavori, sono davvero felice di avervi incontrato

  8. Tiziana ha detto:

    Vorrei quello che succede che mi piacerà 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *